Benjamin Fredrickson e la libertà dalla censura.

In cover per il mese di maggio su TOH! Magazine troviamo Benjamin Fredrickson, fotografo americano che con i suoi scatti documenta la comunità fetish lgbtq+, con diversi modi e diversi progetti che manifestano una libertà ancora ostacolata dalla censura dei social media.

Benjamin Fredrickson da sempre attivo nella comunità queer, proviene da un’infanzia isolata e timida come la maggior parte dei ragazzini che manifesteranno poi col passare del tempo un’innata creatività e sensibilità artistica. Da sempre appassionato all’arte e in particolare alla fotografia, che inizia a coltivare dopo aver visto un paio di mostre che l’hanno da subito affascinato. 

Le immagini che Benjamin Fredrickson crea sono d’impatto, divertenti, seducenti ma soprattutto personali. Riesce a creare un feeling con chi sta posando per lui e spesso entra anche lui nell’immagine con autoscatti che lo rendono parte integrante dell’immagine.

Benjamin Fredrickson ci immerge nei suoi piaceri e nelle sue fantasie sessuali, mostrandoci anche un diverso e personale feticismo rispetto a ciò che immaginiamo pensando alla parola fetish.

Una parte fondamentale del lavoro di Benjamin Fredrickson è il fondo schiena, che mette in mostra con la pratica Wedgie che ha legami con il BDSM. La correlazione tra dolore e piacere attraverso uno stretto cuneo di biancheria intima infilata nella fessura del sedere, sodo, scultoreo e a volte volante.

Quando hai iniziato a dedicarti alla fotografia?

Il mio interesse per la fotografia è iniziato quando ero un adolescente. Ricordo che la prima mostra fotografica che ho visto avere un impatto su di me è stata Richard Avedon Evidence, al Minneapolis Institute of Art e qualche anno dopo durante il mio primo viaggio a New York City è stata I’ll be your Mirror di Nan Goldin al Whitney Museum dell’arte americana. 

Da lì ho iniziato a prendere lezioni di foto in bianco e nero e ho adorato l’intero processo dall’inizio alla fine: sviluppare un’idea, fotografarla, quindi elaborare la pellicola e realizzare una stampa finale in camera oscura.

Da allora non ho smesso di fotografare. 

La fotografia è stata l’unico sfogo creativo costante nella mia vita che ho sempre nutrito.

Il sesso è sicuramente il tema principale dei tuoi lavori, che rapporto hai con esso?

Attraverso il sesso sono in grado di esplorare me stesso e scoprire parti della mia identità di persona queer.

Sono in grado di scoprire il lato esibizionista e capire dove si è sviluppato e come vive in me oggi. Il sesso è davvero una cosa potente, ha la capacità di dividere e riunire.

Fotografare è per me un bisogno psicologico e un modo per entrare in contatto con me stesso e con gli altri.

Scopro e condivido la mia vulnerabilità nell’atto di fotografare e cerco di scoprire la stessa nei miei soggetti.

Ricordi il tuo primo servizio fotografico? Com’è andato?

Non ricordo davvero il mio primo servizio fotografico. All’inizio girovagavo per il giardino delle sculture del Walker Art Center e fotografavo le sculture e le piante o i paesaggi urbani del centro di Minneapolis vicino al fiume Mississippi.

Mi piaceva passare il tempo in camera oscura da giovane, ero una persona socialmente imbarazzante pur essendo creativo e produttivo.

Ero estremamente timido ed era difficile trovare il coraggio di chiedere alle persone se potevo fotografarle. La paura si è messa in mezzo, quindi mi sono fotografato perché non c’era nessun altro in giro. Alla fine ho fotografato la mia piccola cerchia di amici al liceo ed è diventato più facile. Voglio dire, guarda il mio lavoro ora.

Che rapporto hai con le persone che ritrai? Chi sono ?

Nei miei primi lavori a Minneapolis ho fotografato amici, incontri, amanti, sconosciuti ed ex clienti. Fondamentalmente la mia comunità omosessuale a Minneapolis in quel momento. Riguarda ancora le persone che incontro e trovo interessanti. Attualmente si tratta delle comunità fetish queer di cui sono un partecipante attivo. 

Con il progetto Wedgies si tratta del corpo e non tanto dell’identità della persona che viene incastrata.

È meraviglioso.

Trovo che sia più facile entrare in quella fantasia quando l’identità della persona è nascosta. Aggiunge un altro livello all’interazione e all’immagine finale.

Mi spieghi meglio?

Il progetto Wedgies è stato sviluppato in parte per esplorare come creare immagini in modi nuovi, come usare il mio iPhone invece delle tecniche fotografiche più tradizionali a cui ero abituato.

Adoro i culi degli uomini, mi eccitano, il modo in cui il tessuto allarga le natiche è molto sensuale.

Volevo esplorare temi erotici che mettevano in mostra la carne senza essere espliciti e rientrare nelle “linee guida della comunità”. È stato un grande esperimento. Ho incontrato così tante persone meravigliose all’interno della comunità di wedgie di cui faccio parte.

Ho creato un progetto che ha raggiunto un vasto pubblico ed è stato davvero fantastico.

Quanto ti senti coinvolto in ciò che fotografi? 

A volte mi sento troppo coinvolto, ossessionato dal fare una certa fotografia, dalle emozioni che lo circondano. A volte rivisiterò la stessa idea con più soggetti finché non l’ottengo. Mi chiedo se l’emozione arriva ad altre persone attraverso il mio lavoro nello stesso modo in cui lo fa per me.

Probabilmente no, e va bene. 

Se suscita un pensiero o una conversazione è fantastico. Sono incuriosito da tutto questo e non sempre ho le parole per articolare come mi sento, è qui che entra in gioco la fotografia. Articolando me stesso visivamente.

Cosa trovi più eccitante fotografare?

Trovo le persone le più eccitanti da fotografare. Nessuna persona è la stessa e imparo qualcosa di nuovo sul mio processo ogni volta che fotografo un’altra persona. Ognuno ha una risposta diversa all’essere fotografato e amo le sfide e le opportunità di crescita che ne derivano. Alla fine ciò che mi eccita cambia nel momento, in questo momento i progetti Wedgies e Portraits mi eccitano.

Recentemente il tuo profilo IG è stato segnalato per i contenuti troppo espliciti, perché secondo te esistono ancora troppi tabù? 

Non ne sono stato sorpreso ad essere onesto, sono scioccato dal fatto che non sia successo prima. Con il mio progetto Wedgies è andato in punta di piedi su una linea sottile. Era sensuale ed erotico senza essere esplicito e ho sentito che era abbastanza intelligente da sfidare gli scagnozzi della censura di IG. C’era biancheria intima che copriva le parti intime dei corpi, tuttavia le natiche oliate erano scoperte. Alcune delle cose che sono state segnalate ho trovato interessanti. 

La sessualità, in particolare la sessualità omosessuale, non è accettabile per le idee di alcune persone sugli standard comunitari.

È un peccato, si spera che un giorno tutte le comunità possano condividere lo stesso spazio senza essere censurate o “alterate”.

Ecco perché questo tipo di lavoro deve essere realizzato, per sfidare le nozioni arcaiche di ciò che è accettabile e “sicuro”. Abbiamo molta strada da fare e devono essere fatti molti più progressi, ma questo è evidente quando accendi il notiziario.

Quanto è importante per te poter essere libero di manifestare la tua arte?

La cosa numero uno per me è esprimermi completamente e senza autocensura. L’ho sempre fatto. Le persone potrebbero non vedere tutto il lavoro che sto creando o che ho creato ma viene realizzato. Non tutto ha bisogno di finire come un post sui social media. Può anche essere una stampa fotografica che viene vista solo da pochi eletti.

È una parte importante del mio processo personale.

Funziona attraverso idee, emozioni.

Cos’hai in mente per il futuro? 

Mi piacerebbe trovare più tempo per tornare nella camera oscura e stampare, fare più riviste, un libro e più visite in studio. Ho così tanto lavoro da condividere.