Michael Joseph e la libertà sessuale nell’aria di Provincetown.

Michael Joseph alias Wild West Of The East, è un fotografo che documenta la libertà delle persone che vivono nella magica Provincetown.

Michael Joseph con la sua fotografia varia tra stili e metodi di produzione, una di queste è l’utilizzo della Polaroid. Michael Joseph cattura l’essenza e l’unicità di persone che l’attraggono, che hanno una storia da raccontare e che manifestano la propria libertà espressiva. Le sue fotografie sono seducenti, provocatorie ma anche ironiche. La carriera di Michael Joseph vanta diversi riconoscimenti e pubblicazioni in tutto il mondo. 

Chi si nasconde sotto il nome di Wild West of The East? Ci racconti un po’ di te?

Provincetown si trova sulla punta estrema di Cape Cod nel Massachusetts, USA. Norman Mailer, un noto autore, viveva a Provincetown durante le estati. Nel 1960, quando Mailer scese in macchina nella parte inferiore di Cape Cod per visitare John e Jacqueline Kennedy, Jacqueline chiese a Mailer com’era Provincetown.

Molti lo conoscevano come una colonia di artisti creativi e bohémien. 

Mailer disse a Jacqueline che era il “selvaggio West dell’est” e che era l’ultima città democratica in America dove tutti erano assolutamente uguali.

Come fotografo miro a documentare la sottocultura attraverso la ritrattistica di strada. Sono cresciuto appena fuori New York City e le mie ispirazioni derivano dalle interazioni con estranei nelle strade della città. Il mio obiettivo è offrire al mio pubblico la stessa esperienza attraverso le fotografie.

I miei ritratti sono generalmente realizzati non pianificati e da vicino per consentire allo spettatore di esplorare l’immediato e l’invisibile.

Perché hai scelto questo soprannome?

Ho trascorso molti dei miei anni formativi a Provincetown durante la stagione estiva, imparando a conoscere tutti gli aspetti della comunità LGBTQ+ e il mio posto al suo interno. 

Un’estate ho notato un libriccino nella vetrina di una delle librerie di Commercial Street, la strada principale della città. Il titolo del libro era “Normal Mailer’s Provincetown – the Wild West of the East” (J. Michael Lennon). 

Ho acquistato il libro e l’ho letto d’un fiato. 

Mi ha incuriosito leggere ciò che Mailer pensava della città com’era negli anni ’60, quando molti non erano fuori, prima dell’epidemia di HIV/AIDS e quando l’area fungeva da rifugio gratuito e sicuro per gli artisti e la comunità LGBT.

Il libro annotava cinque degli inquilini della città di Mailer: libertà (personale, artistica, sessuale), mutevolezza, tensione (storica, culturale, creativa), bellezza (naturale e architettonica) e un’atmosfera infestata. 

Mi interessava vedere se questi sentimenti esistessero ancora. 

Essendo un fotografo di ritratti di strada e amando la narrazione, ho intrapreso un nuovo progetto per scoprire di nuovo Provincetown e le persone che ci vivono. Ciò che era cambiato dagli anni ’60 ed era Provincetown, era ancora questa città libera e democratica come veniva descritta una volta.

Quando e come ti sei avvicinato alla fotografia?

Crescendo sperimentando l’arte e durante i corsi formali di belle arti, ho esplorato molte discipline, ma non la fotografia. Da adulto, dopo un’istruzione formale, volevo poter creare arte, ma fuori e per strada. Mi sono avvicinato alla fotografia rapidamente. 

Il mio interesse per le persone e il modo in cui le persone si trovano nel contesto del mondo più grande mi interessa. 

La fotografia mi permette di esplorare sottoculture e luoghi.

Perché le Polaroid?

Il progetto decennale per cui sono più noto, “Lost and Found”, è scattato in bianco e nero e in digitale. Ho deciso di utilizzare un modo più imprevedibile e colorato di scattare su la strada e creare un’esperienza collaborativa in cui potrei produrre il ritratto istantaneo per me e il soggetto da vedere in tempo reale. Non posso manipolare l’immagine. È quello che è, devo prenderlo un po’ meno sul serio. 

Questo è molto eccitante e consente una serendipità, ma può anche essere molto frustrante.

Non posso ritagliare o semplicemente aggiustare qualcosa che non mi piace digitalmente in seguito. Devo anche rallentare ed essere un po’ più prezioso riguardo alla pellicola così com’è tutto scaduto e limitato. 

Ti capita di essere insoddisfatto di uno scatto?

Poiché si tratta di Polaroid, ciò che vedi attraverso il mirino e ciò che ottieni sono due cose diverse. Il Big Shot è quasi come un telemetro in cui l’obiettivo è lontano dal mirino. Questa imprecisione porta a molti colpi che mancano nel segno e non possono essere utilizzati. 

Ma ancora una volta, consente anche errori che diventano scoperte eccitanti.

Chi sono i soggetti ritratti?

I soggetti sono le persone di Provincetown, sia le persone che ci vivono e lavorano che quelle che vengono a trovarci. Man mano che il progetto cresce, spero che lo spettatore possa apprezzare quanta diversità c’è tra questa città, la comunità LGBTQ+ e i suoi alleati.

Cosa ti attrae principalmente di una persona? Porti con te la tua Polaroid sperando di trovare un soggetto o una situazione accattivante?

Se cammino per strada, di solito cerco di trovare persone che siano unicamente loro stesse. 

Sì, puoi beccarmi mentre vado in giro con la mia macchina fotografica. Ad esempio, Paul Rizzo è un artista che vive e respira a Provincetown, si veste con abiti retrò degli anni ’70, è genuino e una gemma unica per la città.

A volte vedo le persone e chiedo loro di posare perché riconosco questa stessa autenticità che si aggiungerà alla storia della città.

A volte incontro persone che non hanno il tempo giusto per fare un ritratto, quindi lo programmiamo. Non è il mio metodo preferito ma ha i suoi risultati unici.

Le tue foto sono un inno alla libertà, quanto ti senti libero?

Penso che Provincetown dia alle persone la licenza di lasciar andare le convenzioni.

Se due uomini o due donne vogliono camminare per strada tenendosi per mano, non c’è bisogno di guardarsi alle spalle o di sentirsi ansiosi.

Se uno vuole camminare per strada travestito, potrebbe sentirsi più a suo agio a essere festeggiato. Le endorfine sono alte a Provincetown. Le persone vengono da tutti gli Stati Uniti e dal mondo per catturare un campione della magia e della libertà di Provincetown.

Cosa o chi vorresti fotografare ma non l’hai ancora fatto?

All’interno della città stessa, vorrei fotografare più lavoratori, artisti e comunità sotto rappresentate. Voglio esplorare la forma umana, ma in relazione al desiderio o alla libertà sessuale che è nell’aria. Mentre ci sono molti artisti che vengono in città, vorrei documentare coloro che scelgono di fare di Provincetown il loro spazio creativo principale e la loro casa.

Dove si possono acquistare le tue foto?

In questo momento, non sono più rappresentato da una galleria. Si può acquistare contattandomi via e-mail o messaggio diretto sui social media.